Oro giallo, oro bianco e oro rosa, diamanti e fantasie…

 

IMG_0488

Scegliere una fede nuziale non è sempre facile come si pensa; la scelta della fede è una decisione strettamente soggettiva e non deve essere influenzata da tradizioni o pressioni da parti esterne alla coppia. La fede deve essere scelta seguendo i propri gusti e desideri, cercando che sia – se non uguale – il più simile possibile a quella del partner. Provate solo a immaginare di vivere ogni giorno della vostra vita con al dito un qualcosa di scomodo e non di vostro gradimento. La classica fede in oro giallo era ed è tutt’ora la fede che non stancherà mai e che sta bene un po’ ovunque, ma come ben sappiamo i gusti sono gusti e non a tutti piace un colore così vivace. Negli ultimi anni, per questo motivo, sono state introdotte le fedi in oro bianco e successivamente in oro rosso/rosé. Il bianco è un colore freddo e chiaro mentre il rosé è un colore caldo, molto simile al giallo ma rispetto a quest’ultimo è in perfetta sintonia col colore della pelle. La scelta quindi, a meno che la coppia non sia già decisa al 100% su un determinato modello, non è facile ma nemmeno impossibile.

Ora vedremo insieme alcuni consigli e gli step da seguire per rendere tutto più facile e naturale:

Fase 1 – Che tipo di coppia siete?

E’ importante che vi rendiate conto se siete una coppia amante dello stile classico delle fedi o se invece preferite una combinazione di colori e lavorazioni. Nel caso le vostre idee siano diverse niente paura, una soluzione c’è sempre.

Fase 2 – Il colore

Forse è una scelta ancora più importante del modello perché il colore può cambiare totalmente la resa di un gioiello. Come detto sopra ci sono il giallo, il bianco e il rosé. Un’attenzione particolare va data al colore bianco perché è l’UNICO colore a cambiare nel tempo. Ci sono infatti due tipi di bianco, il primo è quello che tutti conosciamo chiamato RODIATO; il secondo invece è il bianco NATURALE  che è un bianco tendente al grigio (a differenza del bianco rodiato ha un colore caldo).    Cos’è la rodiatura? La rodiatura è uno rivestimento galvanico applicato sopra ad un oggetto e come tale non è eterno. Con il tempo e l’usura una fede rodiata torna ad essere bianca al naturale. La rodiatura può essere rifatta in qualsiasi momento e con costi contenuti.

Fase 3 – La lavorazione

Un’altra scelta importantissima è quella della lavorazione. E’ importante tener conto del proprio stile di vita in quanto la fede nuziale è un gioiello che tenete sempre con voi alle mani e, come sapete, le mani si usano per fare qualsiasi cosa. Una fede lucida, bombata o piatta che sia, si striscia e si opacizza con il tempo, ma bastano 2 minuti per lucidarla e torna come nuova. Una sabbiatura (lavorazione opaca) tende invece a “lucidarsi”, ma anche qui nessun problema nel rifarla. I problemi arrivano con le varie diamantature (disegni, incisioni esterne ecc) perché per ripristinare la lavorazione occorre togliere materiale e non sempre è possibile. Detto questo, è chiaro che dal tipo di lavoro svolto si determina la durata di una lavorazione.

Fase 4 – Il diamante

Quante volte si vedono fedi nuziali con il diamante incastonato? E’ quella cosa in più che rende il tutto più prezioso, ma anche qui ci sono delle riflessioni da fare. A differenza di un anello di fidanzamento, la fede gira intorno al dito e molte volte la pietra è al di sotto della mano; in questo modo è facile colpire la pietra muovendo le mani e toccando oggetti con il chiaro rischio che si stacchi. Una pietra che esce dalla sua sede si può riposizionare a patto che si ritrovi il diamante perso. In caso contrario, occorrerà acquistarne un altro. Bisogna inoltre prestare attenzione al fatto che una fede la si indosserà – si spera – per 20, 30, 50 anni e oltre ed è facile doverla allargare o stringere in base alla crescita e al cambiamento della mano (anche solo perdere o ingrassare di 5kg influisce). Allargando o stringendo una fede col diamantino si correrà il rischio di romperla.

Fase 5 – Le incisioni

Una volta scelto il modello rimangono le incisioni. Di solito vengono incisi il nome di lei nella fede di lui e viceversa con la data scritta in numero o in parole. Questa è la scelta più facile di tutte quindi non avrete nessun problema.

Fase 6 – Il pagamento e i testimoni

La tradizione vuole ma non obbliga che il pagamento delle fedi venga effettuato dai testimoni. Nel caso si decidesse di procedere in questo modo, i testimoni metteranno a disposizione un budget nella maggior parte delle situazioni. Un grande consiglio che possiamo darvi è quello di non farvi influenzare dal budget. Se la coppia di fedi che avete scelto supera la somma stabilita basterà parlarne coi testimoni ed eventualmente mettere di tasca vostra la differenza.

Abbiamo concluso la scelta delle fedi nuziali e vedrete che seguendo con attenzione i vari punti non avrete problemi di alcun tipo. Chiedete sempre al vostro venditore di fiducia per risolvere dubbi e domande; è molto importante conoscere il prodotto che si acquista (in particolare se il bicolore è di lega o galvanico).

 

Autore Elima Gioielli

logo_elima